La cassapanca del cuore

Mi contatta Mariarosa, abita nel mio quartiere, ha traslocato da poco e sta sistemando la casa che era dei sui genitori, ha una cassapanca regalatole dal marito, è molto bella di fattura ma sopratutto un valore affettivo enorme, ha preso acqua ed è rovinata ha perso un pezzo del pianale che si è un po’ gonfiato. 

La carico sulla mia macchinetta e cominciò a studiarla, l’unica richiesta di deve adattare ai mobili nuovi.

Tolti i pezzi che si staccavano, stuccata e grattata per bene, si è comportata da brava ragazza, malgrado l’acqua che ha preso non ha buttato fuori neanche un pó di tannino…. fortuna mia! Verniciata dentro e fuori, per l’ultimo zio di mobile dispensa, ho dato un po’ dì profondità ai quadrotti in stile spagnolo, proprio per non lasciare un colore piatto. E siccome è la cassapanca dell’amore, un piccolo stencil all’interno e un cuore come ornamento.

Vedere come era felice e come le brillavano i suoi occhi azzurri, è stata la soddisfazione più grande💗. Sei una grande donna Mariarosa.

I comodini “sottratti”

Ed eccoci al pensiero della sera. Come ottimo posto dove approviggionarsi, la ricicleria dell’amsa. L’ideale è andarci il sabato dopo pranzo perché a quell’ora parecchie persone sono già andate a buttare parecchia roba. Ci sono andata a buttare dei grossi coltelli che proprio non sapevo dove buttare, e siccome sono curiosa come pochi e in tempi non sospetti avevo visto degli addetti buttare una vetrinetta bellissima, vado a dare una sbirciata nel cassone del legno… Ed eccoli 😳

Fortunatamente era un sabato mattina, ero in tuta e mi sono infilata nel cassone per recuperarli, ho dovuto convincere un addetto a farmeli dare, ma con la mia bella faccia di m…. ci sono riuscita 😜. Anche qui mi sono presa della zingara, raccatta roba vecchia, rigattiera, spazzina … 💪🏻💪🏻💪🏻💪🏻 
Qualche mobile l’ho anche comprato, sia chiaro, ma a trovarli c’è più soddisfazione!!! Non solo per non pagarli, ma perché capitano e quando li guardi “vedi” già come li farai diventare, è più scalcagnati sono e più grande è la soddisfazione, mentre invece quando cerchi un mobile sai già con che caratteristiche lo cerchi per come lo vuoi fare.

Questi già sapevo che li avrei fatti per venderli e ripagarmi un po’ di materiale, quindi…

Ci sono volute un paio di settimane per venderlo, poi mi hanno contattato, e siccome classicamente il lavoro chiama lavoro, questo è stata la base per una cameretta di una dependance. A casa della dolce Mariagrazia.

Buona notte ragazze, a domani.

Nulla succede per caso

La mia teoria, nulla succede per caso, oppure come mi disse a Cuba una donna, quel che succede conviene.
Resto chiusa fuori casa e senza chiavi della macchina…azz!!! Vado a piedi a casa di mia figlia che ha una copia e mi imbatto in questo settimino che è lì per il ritiro degli ingombranti, faccio scendere il grande Leo, e glielo faccio caricare in macchina, mi prendo della rigattiera, marciona (non da lui) che puzza, chissà chi lo aveva e chi più ne ha ne metta.

Anche questo disinfettato è passata di cementite, mah non mi convince sta puzzosa di cementite. Leggo su una rivista di un portale, dove si trova di tutto e tutte le idee che possano venire in mente: Pinterest…. Direi San Pinterest!!! Ci perdi le ore, c’è tutto quello che ci possa essere al mondo. Così trovo dei prima e dopo di mobili! Fantastici!!! ecco che finalmente trovò quello che cerco, un modo di rinnovare mobili meraviglioso…

Ovviamente ci studio sopra ed ordino, una pittura fantastica, meravigliosa… Ed ecco quello che stavo cercando, c’era qualcosa che non mi quadrava e finalmente ci sono arrivata!! Come dice Viv, dove voglio arrivare, ci arrivo sicuramente. È tutto quello che penso si trasforma in realtà. 

Yesssss 💪🏻💪🏻💪🏻

Come ebbe inizio

L’inizio di questa passione è stata un po’ una cosa strana, qualche lavoretto in casa l’ho sempre fatto, tipo cambiare colore a qualche parete, mettere una presa, montare i mobiletti, ho sempre avuto la mania del cambiare, ogni volta che facevo un giro all’ikea avrei voluto cambiare arredamento, e allora via con la modifica della disposizione dell’arredamento!

Circa 3 anni fa cambiamo casa, ci spostiamo nel palazzo di fronte, la vecchia fabbrica dell’Olivetti, piena di storia, dove tanti abitanti del quartiere avevano trovato lavoro e costruito le loro vite, con i suoi larghi corridoi e i muri spessi. I soldi ovviamente sono pochi, i mobili si riutilizzano ma vorrei qualcosa di nuovo. Cerco per mesi dei comodini, ma voglio spendere poco, se possibile zero, trovo da un mio amico che fa lo svuotacantine due comodini stile chippendale, già scartavetrati, perfetti ne prendo uno, ma per strada già fantastico come lo farò, e allora gli dico di tenermi anche l’altro, costo 15€ in totale! Prendo la vernice ma ahimè ci vuole un fondo, allora cementite e poi vernice… mah mi piace ma non sono tanto convinta di questa cosa.

I recuperi della Ros

Ciao, mi chiamo Rosalba, Ros per gli amici, ci provo con questa cosa che è un blog. Ho già una pagina FB dove pubblico i miei lavori, e lo farò anche qui.

Idee, lavori, recupero (che adoro…),vi mostrerò la rigattiera che è inside of me…

Sono autodidatta, curiosa, cerco molto sulla rete, ho tanta manualità grazie ai miei nonni, mia nonna con i lavori femminili e mio nonno mi faceva preparare le lenze per pescare le anguille al fiume oppure lo seguivo in campagna a girare le angurie… Sì proprio a girare le angurie per farle maturare. Mio padre a pitturare e cambiare le prese….. Insomma, mia figlia mi chiama Geppett!!😂😂😂